iten

“Ribaltamento a mare” stabilimento Fincantieri del Porto di Genova

Il raggruppamento di imprese guidato da Consorzio Stabile Grandi Lavori, che vede Proger tra i principali progettisti designati, è stato incaricato dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale di realizzare il “ribaltamento a mare” dello stabilimento Fincantieri di Sestri Ponente. Con un’offerta complessiva di 338,6 milioni di euro il raggruppamento si è aggiudicato la gara di appalto, a cui hanno partecipato tutte le più importanti società di costruzioni italiane, per la realizzazione di una delle opere marittime più importanti degli ultimi 15 anni nel nostro paese.

Nello specifico la “progettazione definitiva ed esecutiva e l’esecuzione dei lavori relativi all’adeguamento alle norme in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro, nonché la razionalizzazione dell’accessibilità dell’area portuale industriale di Genova Sestri Ponente” rappresenta la parte esecutiva della Fase 2 del programma di interventi per la realizzazione del nuovo bacino di carenaggio, in grado di ospitare la costruzione di navi fino a 150.000 ton di stazza, nell’area cantieristica di Fincantieri. 

Per raggiungere questo obiettivo è necessario rimodellare le aree operative (piazzali), per una superficie complessiva di circa 500.000 mq, adeguare i fondali con dragaggi a quota -11,00 m s.l.m.m. e ampliare l’area del bacino antistante i cantieri per garantire spazio di manovra alle navi che verranno prodotte, lunghe mediamente 380 metri e larghe 50. A questi interventi si aggiungono quelli di miglioramento della viabilità esterna ed interna dell’area, correlati anche a programmi futuri di competenza di Ferrovie dello Stato e di Autostrade per l’Italia.

Il progetto si inserisce nell’ambito del “programma straordinario di investimenti urgenti per la ripresa e lo sviluppo del porto e delle relative infrastrutture di accessibilità”, del valore di oltre 2 miliardi di euro, con il quale sono state individuate le opere di importanza primaria per lo sviluppo della portualità genovese. In questo contesto Proger è già al lavoro con diversi incarichi, tra cui la “progettazione esecutiva della nuova calata ad uso cantieristico navale all’interno del Porto Petroli di Genova Sestri Ponente e sistemazione idraulica del rio Molinassi”, un intervento strettamente correlato con l’ampliamento dell’area Fincantieri, e il progetto definitivo di completamento degli impianti per il carico e lo scarico di prodotti petroliferi nella darsena tecnica di Calata Olii Minerali, nell’area dell’avamporto del Porto Vecchio, a ridosso della diga foranea.